LA BANDIERA FATATA DEI MACLEOD

 

  

y1pGHN13D16lU8j40Ks9xYbtZ9DaOXMGWqczPQdIuYKb5E2IYboqCvalpM34VpYLGwlGNdNNLGMJzo

 

Il vecchio castello di Dunvegan, nell’isola di Skye, è bagnato su tre lati da un mare freddo e grigio.

 Per centinaia di anni è stato la dimora dei Capitani del Clan MacLeod e del loro bene più prezioso: una striscia di seta color giallo pallido, la Bandiera Fatata, che appartiene al Clan dalla lontana notte in cui nacque un piccolo capitano dei MacLeod.

Quella notte tutta l’isola era pervasa dalla più grande gioia e sulle colline vennero accesi cosi’tanti falò che gli abitanti delle isole vicine credettero che l’isola si fosse incendiata! Nel castello l’intero Clan si era riunito per festeggiare e in ogni stanza si poteva incontrare gente festante e danzante,tranne che in una piccola torretta in cima ad un’alta scala, dove la balia Morag tentava di far addormentare il piccolo erede, dondolando avanti e indietro la culla di legno.

 

Una giovane dama inviata dalla madre entrò a vedere se il neonato dormiva e, osservando il suo placido sonno, disse a Morag: “Sei l’unica che ancora non ha potuto festeggiare la nascita dell’erede! Non vedi? Dorme! Mi offro io di vegliarlo, mentre scendi un po’ a divertirti anche tu!”.

 

La vecchia Morag esitava, ma infine si lasciò convincere, pregando la dama di chiamarla se il bambino si fosse svegliato. Questa si sedette ed iniziò a dondolare la culla, ma non si accorse che pian piano lo scialle che Morag vi aveva deposto sopra scivolava per terra. Il bambino cominciò a piangere, sempre più forte, senza che la giovane riuscisse a calmarlo, mentre cercava di chiamare Morag, ma la musica era troppo forte e infine, depostolo nella culla, la dama scese a cercare la bambinaia. Il pianto era ormai disperato quando una dolce nenia cominciò a diffondersi nell’aria e mani fatate avvolsero il piccino al riparo dal vento freddo…Così lo trovò Morag, addormentato tra le braccia della Regina delle Fate che, vedendo l’espressione allarmata della donna: “Ferma Morag!” esclamò “la stoffa che lo avvolge non gli farà del male! E’ più calda di qualsiasi coperta e inoltre lo proteggerà da ogni pericolo. Salverà l’erede dei MacLeod nel momento di maggior pericolo,se sarà fatta sventolare sulle mura del castello, ma attenta! Potrà essere utilizzata solo tre volte, poi le fate la reclameranno! Ricorda Morag, tre volte!”.

 

Molti anni dopo, nel XV secolo, il castello di Dunvegan venne assalito da feroci guerrieri che avevano invaso Skye dalle isole vicine; i MacLeod furono decimati e ormai erano prossimi alla sconfitta. All’ultimo momento, il loro capitano si ricordò della leggenda e appena la Bandiera sventolò sui bastioni, un esercito di soldati-ombra si materializzò sbaragliando i nemici . Lasciando i MacLeod vittoriosi sul campo, i guerrieri si dissolsero nell’aria. Lo stesso episodio si verificò circa cento anni dopo.

La Bandiera è stata così issata due volte e ancora per una può spiegare il suo potere: si dice che essa sia tuttora nascosta nel castello di Dunvegan, mentre le fate aspettano di tornare a reclamarla.

 

           

       

About these ads

3 commenti

  1. Cinzia said,

    13 maggio 2008 a 18:04

    Ormai è diventata una bella abitudine leggere le tue storie.
    Sono sempre piene di fascino e poi io e la fantasia siamo
    grandi amiche , lei ogni tanto mi fà vivere storie bellissime
    come quella di ieri sera.
    Ti abbraccio forte e non dimenticare la coperta.
    P.S. Ti avevo nominato nel mio intervento di oggi per un giochino, però sinceramente non è che la cosa mi lusinghi, perchè secondo me quel giochino a catena rovinerebbe il tuo space,quindi non preoccuparti ,credo sia giusto non inserirlo…..Che poi neanche a me piace,ma ad Antonella non ho saputo dire di no. Bacioni…..Cinzia.

  2. Annamaria said,

    14 maggio 2008 a 09:15

    Ciao dolce e caro Ale….ti auguro una bellissima giornata! Bacini bacetti bacioni :)

  3. Maria said,

    22 maggio 2008 a 18:23

    ciao dolce e caro!!! bella i windows live messenger!!! bravisima!!! bacy!!! <a href="http://www.glittergraphicsnow.com/&quot; title="Orkut and MySpace Glitter Graphics"><img src="http://i121.photobucket.com/albums/o207/bicfomh/gg01/angel/angel004.gif&quot; border="0" alt="Glitter Graphics"></a><br><br><a href="Angel">http://www.glittergraphicsnow.com/angel.html">Angel Glitters</a><br><br>


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: